Questo sito utilizza i cookie

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Adriano Barone (Rho, 9 luglio 1976) è uno scrittore e sceneggiatore italiano.

Adriano BaroneAdriano Barone

Ha sceneggiato il cortometraggio "Riflessi", selezionato nella categoria cortometraggi al David di Donatello.
Ha pubblicato diverse storie brevi su Strike (Star Comics), Horror Show 1-6 (Blu Press), Monstars 3 (Nicola Pesce editore) in Italia e su Brian Yuzna's Horrorama 2 (Narwain), Tales from a Forbidden Planet 2 (Narwain) e Heavy Metal.
È stato finalista alla seconda edizione del premio MIMC della Kodansha con la storia Mr. Doe, su disegni di Simone Altimani.
Dopo numerose sceneggiature per storie brevi, nel 2009 approda alla sceneggiatura di interi volumi (graphic novel) e pubblica i fumetti L'Era dei Titani su disegni di Massimo Dall'Oglio per Edizioni BD (vincitore del premio "miglior disegnatore" al Gran Premio Autori ed Editori di Fullcomics & Games 2010) e Tipologie di un amore fantasma su disegni di Mauro Cao per Edizioni Voilier. Entrambi i titoli hanno ricevuto la nomination "Miglior Sceneggiatore dell'anno", per il Premio Carlo Boscarato 2010.
Nel maggio 2010 è uscita, sulla collana da edicola Epix della Mondadori, la sua raccolta di racconti tra l'horror, la bizarro fiction e il new weird: Carni (e)strane(e). In occasione del Lucca Comics & Games 2010, la Asengard Edizioni ha pubblicato nella collana Wyrd Il ghigno di Arlecchino, romanzo tra l'horror e il new weird sulla figura del trickster associato alla famosa maschera italiana, sebbene l'interpretazione del personaggio sia decisamente libera.
Nel novembre 2011 insieme al disegnatore Fabio Babich realizza il graphic novel Bugs - gli insetti dentro di me, che fa parlare di sé per il suo stile mistigenere e l'originalità dei suoi contenuti. Lo stesso mese esce per le stampe di Agenzia X Zentropia, romanzo ambientato in Italia in un futuro prossimo e fortemente distopico. Anche quest'ultima opera presenta l'accumulazione di più strati di significato sotto un linguaggio spezzato, crudo e coinvolgente, configurandosi come segnale del consolidamento dello stile dell'autore.
Nel 2013 sceneggia l'adattamento a fumetti del romanzo Uno in diviso di Alcide Pierantozzi, che gli è valso il Premio Boscarato 2014 nella categoria "Miglior sceneggiatore italiano".